sabato 27 febbraio 2010

Succhiare cazzi in paradiso

Ecco cosa fa Roberto Cota pur di racimolare i voti degli idioti. Come se gli idioti della lega non gli fossero più sufficienti.

L'ha chiamato "Patto per la famiglia e per la vita" che è un modo più corto per dire: "sono disperatamente alla ricerca di voti per poter andare in regione e portare li le mie politiche xenofobe e razziste da leghista che fuori dalla campagna elettorale è solito cacare nelle chiese e pulirsi il culo col tricolore".

Andate voi a leggere i sei punti del patto, io sono troppo impegnato a restare vivo.

 (in foto: Roberto Cota mentre è in posa per photoshop)



P.S. Anche dall'altra parte non sono da meno. Guardate questo elemento dell'IDV

Carità e tolleranza cristiana

Settimana scorsa, in Marocco, è crollato un minareto. Quaranta morti.

In merito alla vicenda, ecco cosa ha detto il Vescovo Emerito di Otranto, Monsignor Vincenzo Franco.
"Esprimo massima pena e solidarietà alle vittime". Poi aggiunge: "ma occorre guardare un poco più in avanti. Credo che potrebbe essere un segno dei tempi, un messaggio divino che ci indica, l' Islman non é invincibile, che avvenga il crollo di un simbolo dell' Islam. Io come cattolico e Vescovo non posso non augurarmi che l' Islam possa crollare defintivamente sotto il peso della sua crudeltà, della sua non verità  e della sua totale e violenta ostilità al cristianesimo. Lo ribadisco: ... nel pieno rispetto per le vittime la cui vita é sacra, credo che il Signore ci abbia lanciato un messaggio: anche l ' Islam può cadere e sono sicuro che questo evento accadrà sotto il peso delle loro contraddizioni e della loro inattendibilità". 
Un messaggio duro: 
"ma i Vescovi e i cattolici devono sempre dire la verità, anche se scomoda. L' Islam si é sempre opposto anche in modo violento al cristianesimo. Dunque non vedo il motivo per il quale noi cattolici dobbiamo aprirgli la strada. Non giustifico forme sanguinose e violente di resistenza, ma assoluta fermezza dottrinale con una religione che viola tutti i diritti umani e predica odio. La caduta del minareto dunque, io la vedo come un presagio della caduta di questa religione e di sistemi dittatoriali che negano la libertà di culto".  
Dove si trova la salvezza?:  
"nel Vangelo di Dio e basta. I cattolici con questa idea del dialogo ad ogni costo hanno esagerato nell' autoflagellazione. Bisogna riconoscere che solo nella chiesa cattolica esiste e sussiste la verità e dunque la via della salvezza. Per il semplice fatto che la nostra Chiesa si basa sul Vangelo che é Parola di Dio e dunque poiché é tale, significa verità. Soltanto nel nostro credo risiede la verità. Gli altri devono convertirsi se asprirano alla salvezza. Questo non implica scarso rispetto verso gli altri, ricerca della comprensione, ma la chiarezza teologica sia un requisito fondamentale e basilare per evitare pericolose e dannose confusioni che tanto si registrano anche oggi tra gli stessi cattolici". 
Che cosa pensa in tema di omosessualità e omosessuali?: 
"fondamentale la distinzione tra peccato e peccatore. Ma coloro i quali la professano senza pentirsi devono vergognarsi. Tutto ciò che é sgradito a Dio, che lo offende va contro la legge naturale, dunque si vergognino di quel vizio immondo"
Ma alcuni vescovi predicano misericordia:  
"anche e soprattutto Cristo la voleva, ma al momento giusto sapeva essere duro e severo. Oggi si abusa della misericordia per giustifcare ogni cosa anche tra i Vescovi. Basta, si parli chiaro, senza tanto perdonismo e i frutti si vedono". Eccellenza esiste il Demonio?: 
"certo che esiste. Ed é un essere concreto, seppe riconoscere Cristo prima degli altri e non ignorava la Scrittura. Al contrario di tanti cattolici. In guardia dal demonio".

venerdì 26 febbraio 2010

tre metri sopra il pulitzer

A momenti non mi andava la pasta di traverso.  Parte il Tg1 e sento "Mills assolto". Si, e Berlusconi è Madre Teresa.
Per caso c'è in corso una scommessa tra Minzolini e Mimun su chi è il peggior direttore del Tg1 di tutti i tempi? No, perché al momento Minzolini cavalca delfini.



In realtà la cassazione ha solo stabilito che il reato è prescritto. Non significa affatto che Mills è innocente (assolto) ma solo fortunello dato che non sconterà la pena inflittagli in primo grado e confermata in secondo (quindi diversi giudici hanno appurato la sua colpevolezza) ma l'avvocato inglese resta un corrotto per aver testimoniato il falso a favore di Berlusconi, quando era imputato ai processi Fininvest-Gdf e All Iberian, a novembre '97 e a gennaio '98.

Mills deve ringraziare una delle diciotto leggi ad personam, la ex Cirielli, se il suo culo britannico non giace su una italica branda al Regina Coeli. Grazie a questa legge, i tempi di prescrizione per la corruzione in atti giudiziari scattano dopo 10 anni e non più dopo 15 anni.


Commenti a caldo

Silvio Berlusconi:  "Non ci posso credere, non ditemelo... Accolgono la nostra tesi dopo tutti questi anni di tormento? Sarebbe la dimostrazione che ho sempre avuto ragione, che su di me è stato imbastito un teorema, che i giudici hanno agito con motivazioni politiche"
No, non hanno accolto la tua tesi. Quella nella quale tu sei l'uomo più perseguitato dalla magistratura che, una volta liberato da questo fardello diventa presidente e incita la squadra di rugby a vincere il sei nazioni per sconfiggere il razzismo nei confronti dei corruttori, dei mafiosi e dei ladri.

martedì 23 febbraio 2010

Una banda stellare

Ecco, l'altro giorno parlavo di questo:
 

Sono l'unico a trovare la cosa agghiacciante?
Veramente, più lo vedo e più ci penso. La Russa che spunta da dietro il palco vestito da Dart Vader, con uno stuolo di soldati cloni, tutti azzurri però.
A Ingnazio piacciono queste cose. Pensate che nell'intimità coniugale, vuole che la moglie si riferisca al suo pene chiamandolo "la morte nera". Ignazio ha una vera e propria passione per Dart Vader. Infatti, la sua voce originale non è quella che tutti noi conosciamo. Quella è un'invenzione di Fiorello. La Russa imita la voce che fa Fiorello solo per stare più simpatico alla gente. Proprio come Dart Vader, anche La Russa ha un sintetizzatore vocale nascosto dentro al naso. Non credevate mica che quello fosse il suo naso originale. Non possono esistere uomini con un naso così. Ci sono alcuni formichieri con un naso simile, ma non hanno la voce di Dart Vader. Hanno la voce di La Russa.
Questo post senza senso è la prova che sentire la banda dei carabinieri suonare Star Wars, causa dei disturbi al cervello di una certa pericolosità. 


Temptation

Benedetto XVI affida il suo messaggio all'Angelus, mettendo in guardia dalle "tentazioni diaboliche"
Il Papa contro potere e beni materiali
"Sono le tentazioni del diavolo"

I cristiani debbono "vivere non con orgoglio e presunzione". E devono dire no al potere, alla fame di beni materiali, all'ambizione che, dice Benedetto XVI, "sono tentazioni di Satana, contro cui ogni uomo è chiamato a lottare". Smascherando, come fece Gesù, "l'inganno del potere usando le armi della fede, cioè la preghiera, l'ascolto della Parola di Dio e la penitenza"



In effetti, quando si trovava nel deserto, Gesù fu avvicinato da un tizio losco simile a questo:

Chi non condivide non le vuole bene

 
Per la serie: facebook è il luogo virtuale dove esternare la propria stupidità reale...



Chi non condivide questo, invece, non vada nel Punjab.

domenica 21 febbraio 2010

Ripassata o rilassata?

L'altra sera Bertolaso a Matrix spiegava cosa volessero dire realmente le sue intercettazioni. Come se non ci fosse niente da nascondere in telefonate dove i soggetti parlano a mezze frasi e cercando di non citare mai nomi o situazioni.

L'apice del patos si è raggiunto quando il manichino messo alla conduzione di Matrix ha chiesto chi fosse Francesca e che volesse dire con "ripassata". Bertolaso, serafico come un Andreotti che nega la prescrizione, ha detto: "magari avrò detto una rilassata".

E' aperto il toto-cazzata: Bertolaso potrebbe anche aver detto "rinfrescata", o "aranciata", o "soppressata", o "carrambata". Dai, liberate la fantasia.

P.S. non è questione di morale. Per me ognuno è libero di fare quel che vuole col proprio uccello, persino sodomizzare una gazzella. Della polizia.
Quello che infastidisce è che ci sono di mezzo i soldi pubblici. Cioè anche i miei e i vostri. Si, a volte occorre essere veniali.


The ring & the crown



Pur restando immune al fascino di Sanremo, l'altra sera mi sono trovato costretto ad assistere a qualche sedicente esibizione canora.

A parte che a momenti mi veniva un aneurisma vedendo l'antichissima banda dei carabinieri suonare il tema di Star (non mi sarei sorpreso nel vedere spuntare tra il fumo il ministro La Russa), ho assistito anche a qualcosa di veramente brutto.

La "canzone" del trio principe di sta cippa, cippa e tenore, è qualcosa di agghiacciante. Non mi riferisco alla performance musicale della testa coronata, quanto alle parole e al mood della canzone. Non so voi, ma a me rievocava un sano odore fascista. Tutto quel tirare fuori "dio", "patria" e "famiglia" in un tripudio di tricolore e nazionalismo made in china. Se mussolini fosse ancora vivo, credo che se la sarebbe messa come suoneria.

venerdì 19 febbraio 2010

L'uomo che sussurrava ai cavalli

Fonte: repubblica.it
“Le intercettazioni non sono prove”, eppure sono alla base di una “condanna mediatica” le cui vittime pagano già “la loro pena davanti alla società”, prima del verdetto dei giudici. “Basta con la gogna mediatica prima delle elezioni” ha aggiunto. “Le intercettazioni - ha sottolineato Minzolini - sono strumenti di indagine, non sono prove, e lo sanno bene anche i magistrati. Al telefono si usa un linguaggio diverso rispetto a quello che si userebbe davanti a un pubblico ufficiale, ma non si può condannare una persona per un aggettivo se non c’è una prova”. Questo, tuttavia, “non accade in virtù di una sorta di condanna mediatica - ha aggiunto il direttore del Tg1 - che deriva dalla pubblicazione delle intercettazioni. E il condannato mediatico, se pure dimostra la sua innocenza davanti a un tribunale, la sua pena la sconta già davanti alla società. Cosa che può accadere anche a Bertolaso”.

Minzolini strikes again. A volte penso: ma quanto cazzo spende Minzolini in mentine per l'alito?

No, perché in otto mesi questo è il sesto "messaggio alla nazione" dello slinguazzatore seriale. Fossi in Berlusconi non mi stupirei ad avere i reumatismi al fondoschiena. No fossi in Berlusconi mi ucciderei (cit.)
E non venitemi a dire che Berlusconi non c'entra, perché ricordiamo che le altre volte che Minzolini si è messo davanti ad una telecamera (vestito) è stato per la censura sui festini di Palazzo Grazioli, per il 'mi dissocio' dalla manifestazione per la libertà di stampa, per le 'minchiate' del pentito Spatuzza, per il clima d'odio e i cattivi maestri dopo 'l'attentato' di Tartaglia e dulcis in fundo per la santificazione di Craxi.

Stavolta c'è da spegnere l'incendio nelle mutande di Bertolaso, ovvero lo scandalo della protezione civile. Il TG1, dopo la solita accurata selezione delle notizie, si è prima premurato di leggere la lettera delle figlie di Bertolaso, una declamazione così toccante che la escort brasiliana non si commuoveva, e poi con l'ormai consueto sproloquio dell'Augusto nazionale. Guardacaso il suo faccione appare proprio dopo che il declamatore della lettera ha pronunciato la parola "vergogna". Il caso ha un notevole sense of humor.

Unbelievable

Organizzare in parlamento un test antidroga non obbligatorio, preannunciando con mesi di anticipo il giorno del controllo, è una idea idiota.

Pretendere poi di utilizzare i risultati del test per dimostrare che i parlamentari non fanno mai uso di sostanza stupefacenti, è ancora più idiota.

Però, presentarsi al test volontariamente (nel giorno prefissato con mesi di anticipo) e risultare positivo alla cocaina vuol dire costringere i linguisti a modificare la definizione della parola idiozia.

A questo punto, mi sento in dovere di proporre una soluzione per migliorare le condizioni della nostra classe politica. Basterebbe sostituire deputati e senatori con degli scimpanzé. Certo, non si riuscirebbe più a fare una legge in parlamento. Proprio come ora. Ma almeno sarebbe molto più divertente vedere le scimmie che si tirano le palle di merda addosso e non i leghisti.

In alternativa, se le scimmie non se la dovessero sentire di degradarsi fino a questo punto, si potrebbe sempre eliminare il suffragio universale.

giovedì 18 febbraio 2010

Penultim'ora

Berlusconi crede che l'inchiesta sulla protezione civile sia frutto di un complotto contro di lui. Come se le troie fossero una sua esclusiva.

Di Pietro: "Bertolaso si dimetta sul serio. Come ha fatto De Luca".

Frattini proverà a risolvere la crisi dei visti con la Libia. Se avete amici a Tripoli, dimenticateli.

Immigrazione, Maroni adesso auspica più accoglienza e integrazione. Dentro i CIE.

Scajola ribadisce: "stiamo valutando 14 proposte per vedere dove mettere gli operai di Termini Imerese". Si vede che ha contato pure i suggerimenti volgari.

Election on a dance floor

Dall'amico Prefe ho letto che Formigoni ha deciso di puntare sui ggiovani e sul duepuntozero per la sua campagna elettorale.
Data la mia pigrizia da competizione, vi rimando al post di Prefe per informazioni più dettagliate (sconsigliato a: cardiopatici, sensibili, minori, minorati e gasparri).


Ma se Formigoni cerca di accattivarsi voti e simpatie con le suonerie, dall'altra parte (intendo il PD) (non la bestemmia, il partito), non sono da meno.
Infatti, in occasione della "nonmiricordodaquanticazzodianniciammorba" edizione del festival di quella città ligure che mi rifiuto di pronunciare, al partito liquido hanno organizzato un concorso gassoso.
In pratica, hanno accoppiato ad ogni cantante o presunto tale un politico del PD o presunto tale. Il risultato è uno spassosissimo gioco che stimola la diuresi.

A questo punto, mi viene da pensare solo una cosa: vaffanculo.

Se proprio si dovrà votare qualcuno in base al suo appeal sui giovani o alle suonerie in regalo e non in base ad un programma politico, allora credo proprio che sia meglio votare lui:

mercoledì 17 febbraio 2010

Pedoclerofilia

Pedofilia, la Chiesa irlandese si dice pronta a collaborare fornendo la loro trentennale collezione di vhs amatoriali. 

Il papa ha ammesso che la pedofilia è un crimine fastidioso. Tutti quei preti da far spostare in continuazione.

Il papa si è anche lamentato con i preti che non suscitano la vocazione nei giovani. Vaglielo a spiegare che è impossibile ascoltare la chiamata del Signore quando hai un cazzo nell'orecchio.

martedì 16 febbraio 2010

L'Italia dei val... uhm?

Dopo più di dieci anni l'Italia dei Valori è cambiata. Di Pietro stesso ha esclamato che non è più un movimento di piazza ma un'alternativa di governo. Certo, per effettuare questa trasformazione si è dovuti ricorrere a qualche piccola modifica. Roba di poco conto come togliere i valori, ad esempio. Massì, dai. Alla fine erano solo d'impaccio e te li ritrovavi sempre sparsi sopra il pavimento. Dovevi fare le gimcane per andare da qualsiasi parte.
Non mancano però i mugugni. C'è chi obietta che in questo modo si rischia di rovinare la ben oliata macchina elettorale. Li posso capire; costerà un bel po' di soldi cambiare il nome su tutte le tessere, le sedi e i cartelloni elettorali. Però non è detto che sia un problema insormontabile. No? Basterà indire un concorso per il nome. Poi c'è addirittura Bersani che si è offerto di darci una mano ad oliare tutto il sistema. L'ho visto che sistemava dietro le quinte un bidone da cinquanta litri di partito liquido.
E quando De Luca è salito sul palco e si è messo a nudo davanti all'assemblea, nessuno si è scandalizzato per le sue vergogne bene in vista, e neanche per il suo pene visibilmente più piccolo rispetto a quello degli altri indagati.
Il buon Tonino si è così rivolto all'assemblea: “chi volete che sia candidato alle regionali: Gesù o De Luca?”
Un fragoroso rombo di peti da acclamazione ha così accompagnato la candidatura di De Luca, che obiettivamente è l'inquisito ideale da contrapporre agli amici di Cosentino. Nessuno però ha notato che, in mezzo all'assemblea, travestiti da esseri umani, c'erano anche Gasparri e Quagliariello che hanno scorreggiato più forte di tutti.


BACKSTAGE:
Ecco cosa si sono detti Di Pietro e De Luca dietro le quinte, prima del grande show.

Tonino: Quindi restiamo che se ti condannano ti dimetti. Ok?
De Luca: Certo. Ehm... naturale. Me ne andrò se arriverà una condanna in casszn.
T: Cosa?
D: Cosa cosa?
T: Non ho capito quello che hai detto.
D: Ho detto che me ne andrò se mi condanneranno.
T: Ottimo.
D: In cass..ne... cof! cof!
T: Cosa? Non ti capisco.
D: E chi ha parlato?
T: Hai detto qualcosa tipo cassazione, cazzarone. Non si capiva.
D: No, niente. Dicevo che se me ne andrò se dovesse arrivare una condanna.
T: Si, ma dopo hai detto un'altra cosa.
D: Sei sicuro? Non mi pare.
T: Eppure mi è sembrato.
D: No, E' che ho un po' di raucedine. Dietro le quinte c'erano degli spifferi.
T: Sarà stato il vento di cambiamento portato da Bersani.
D: Si, come no.
T: Allora adesso usciamo fuori e ci abbracciamo. Tu però se il tribunale decide, fai un passo indietro.
D: Ti ho detto si. No? Passo indietro dopo la condanna. In cass.. cof! cof! cof!
T: Sicuro di stare bene?
D: Sto meglio di Berlusconi.
T: E che c'azzecca mo Berlusconi?
D: Quelli di ScaricaBile mi hanno detto che dovevo nominarlo almeno una volta.
T: Vabbè. Quindi mi posso fidare?
D: Certo. Te lo giuro sulla testa del PD.
T: Quale?
D: Una a scelta.

martedì 9 febbraio 2010

A year ago














Berlusconi: "Dovevo evitare la sua morte"

Magari, invece di litigare con Napolitano per fare una legge della quale non te ne fregava una sega (dato che ad un anno di distanza non si è fatto nulla in materia), avresti dovuto imporre le mani su di lei ed esclamare: "alzati e cammina".
Caro Berlusconi, come pensavi di evitare la sua morte se non sei riuscito ad evitare neanche quella cazzata sul restare incinta?
Non riesci neanche ad evitare che Povia ci canti una canzone a Sanremo! E senza cocaina!

Francamente, dal secondogenito di Dio mi aspettavo qualcosa di meglio.

venerdì 5 febbraio 2010

Anagramma

Monsignor Scatizzi, vescovo emerito di Pistoia: "Il principio generale é che la conclamata e ostentata omosessualità é un peccato che esclude la comunione".

L'ovvia risposta risiede nell'anagramma del nome del monsignore.

Su misura

Approvato il legittimo impedimento

mercoledì 3 febbraio 2010

La voglia di scrivere un post

A volte passo tutto il giorno a pensare: oggi ho voglia di scrivere un bel post. Così, durante tutta la giornata, mentre faccio quello che purtroppo mi tocca fare, penso a cosa potrei scrivere.
Ci sono sempre tantissime cose da dire, notizie da commentare, fantasie e dialoghi improbabili che meriterebbero di scivolare giù dal mio emisfero cerebrale destro, sopra la tastiera qwerty del mio portatile (lasciando l'orecchio asciutto e pulito ovviamente).
Tutto il giorno vengo letteralmente assalito dalle idee e vado avanti lasciandomi dietro tante schede di firefox aperte con le notizie da commentare. Come un Pollicino digitale che spera così di ritrovare gli spunti che lo riporteranno al suo agognato post.

Poi, arriva la sera e tutto scompare. Le idee che mi hanno distratto per tutta la giornata sono tramontate dietro l'orizzonte della mia pigrizia. Di tutta la bile accumulata non rimane che uno sbadiglio incazzato ed un unico pensiero: domani ho voglia di scrivere un bel post.

martedì 2 febbraio 2010

Domande #3

Vi capita mai di mettere la sveglia presto al mattino perché ci sono così tante cose da fare e poi vi accorgete che il tempo è volato via in un attimo senza che siate riusciti nemmeno a non fare un cazzo come si deve?

A me capita spesso; ma io non sono il segretario del PD.

lunedì 1 febbraio 2010

Freddo

La scorsa settimana ha fatto talmente freddo che Berlusconi ha dovuto farsi montare i capelli invernali.



P.S. Ovviamente ho voluto svelare questo mistero per Repubblica. Pare che il direttore Masi non ci abbia dormito per tre notti di fila.

ScaricaBile